Skip to content

DAL NOSTRO QUADERNO

In questa pagina inseriamo le foto di alcune attività svolte da noi alunni di prima, anche lavori estrapolati dai nostri quaderni….solo quelli che ci piacciono di più…  Gradiremo i vostri commenti. Grazie.

Cominciamo con le foto scattate da noi:

LA MAESTRA COLTA IN FLAGRANTE E FOTO “ARTISTICHE”

PROBLEMI SUL NOSTRO QUADERNO

LE REGOLE DEL SILENZIO PERFETTO

Silenzio perfetto

chi parla uno “schiaffetto” (*)

chi dice una parola

vada fuori dalla scuola.

Se ben benino vuoi giocare

i tuoi compagni non devi picchiare,

se con la maestra vuoi parlare

tu la mano devi alzare.

Se a parlare hai cominciato

non puoi essere disturbato.

Se parlerai pian pianino

tu sarai un bravo bambino.

Se tutto vuoi imparare

tu composto devi stare.

Se dalla classe ce ne vogliamo andare

la fila silenziosi dobbiamo formare.

(*)Il versetto scritto in rosso è antiquato…e direi contro i diritti dei bambini…naturalmente rispondo a chi legge la poesia scritta accanto e non mi conosce e giudica come se fossi stata io a scriverla. Sia chiaro: a scuola si fa di tutto e sui libri di testo si trova di tutto..bisogna saper porgere tutto ai bimbi e spiegar loro quello che è giusto e quello che è sbagliato. Dico sempre ai miei bimbi che nessuno è perfetto e che anche io sono soggetta a sbagliare, racconto loro come mi castigavano a scuola ai miei tempi, gli schiaffetti che prendevo… che adesso non sono in grado di fare un ritratto (anche se mi piace dipingere) perchè quando l’ho fatto alla mia maestra mi ha tenuta dietro la lavagna per tre ore…TUTTO QUESTO PER CHIARIRE! Concludendo: la mia alunna Silvia mi ha detto proprio ieri: “Maestra, tu non sei severa…” :-)ALLORA PROPONGO DI SOSTITUIRE LA PRIMA STROFA CON QUELLA CHE SEGUE:

Se fai  silenzio bimbetto

ti do un confetto!

La voce dev’essere una sola:

di chi ha chiesto la parola.

 

(*)Grazie per la precisazione Gabriele. In effetti lo schiaffetto è fuori tempo, come dice il collega Gabriele. La filastrocca è stata prelevata in rete e si riferisce a “tanto tempo fa” come ho spiegato ai miei alunni….

10 commenti leave one →
  1. Giuseppe Simone permalink
    4 luglio 2015 10:22

    La regola del silenzio durante il ventennio fascista era la seguente. L’ho sentita in un servizio trasmesso dalla RAI:

    SILENZIO PERFETTO
    CHI TACE, UN CONFETTO
    CHI DICE PAROLA
    VA FUORI DI SCUOLA

    Nella presente versione, lo “schiaffetto” non compare, ma a quei tempi la bacchetta si usava, eccome!
    Ovviamente, casserei l’ultima parte, degnamente sostituita con i tuoi versi:

    “La voce sia una sola: di chi ha chiesto la parola”

  2. Maestro Gennaro permalink
    3 ottobre 2013 18:41

    Io dissento leggermente. Ho avuto una maestra severa e autorevole ma io e i miei amici la adoravamo. Personalmente ho beccato, in 5 anni, tre o quattro bacchettate sulla mano, bacchettate benedette, come lo erano i rimproveri e i ceffoni del babbo, buonanima. Alla maestra e al babbo devo quello che sono oggi: due diplomi, due lauree e 24 anni di servizio, da precario, con cattedra e stipendio ridotti, ma felice di essere adorato da tutti i miei allievi.

  3. Kristina permalink
    4 novembre 2012 17:19

    Be cosa dire ,grazie Maestra mi terrai compagnia quest’anno ,ho scoperto ieri il sito e non ho esitato ad iscrivermi . Lavoro in una scuola parificata nella periferia di Napoli x 300€ mensili e 8 ore al giorno ,mi danno quei maledetti 12 punti sono abilitata e non più giovanissima. L’unica cosa positiva amo i bambini e riesco a vedere anche positivo. Ciao

    • 8 novembre 2012 07:33

      Cara Kristina, che quei 12 punti siano benedetti e ti portino ad una imminente sistemazione! Per quanto riguarda lo stipendio…è uno sfruttamento, le scuole private dovrebbero essere regolamentate diversamente. Ciao e buon lavoro!
      Graziella

  4. Antonella permalink
    29 ottobre 2012 17:53

    Cara maestra Graziella, sei GRANDE! (Come dico sempre ai miei alunni di prima), per quanto riguarda la prima parte della filastrocca LE REGOLE DEL SILENZIO PERFETTO io l’ho modificata così: Silenzio perfetto chi parla uno “schiaffetto” – Se il silenzio è perfetto scappa a tutti un sorrisetto!
    chi dice una parola vada fuori dalla scuola – se si vuol dir una parola alza la man e quella vola … cosa ne pensi?
    maestra Antonella

  5. eliana permalink
    29 novembre 2011 16:04

    Questa filastrocca è la stessa che ha dato alla classe di mia figlia la supplente, io sono veramente indignata io ho odiato la scuola per questo perché avevo una maestra che usava le mani dando schiaffi tirate di capelli e mi sbatteva la testa contro la lavagna quindi almeno che lei non sia come la maestra che ho avuto io, la prego di cercare un’altra parola grazie. E mi scusi se sono un po’, dura ma i traumi che ho vissuto non mi hanno fatto terminare gli studi come avrei voluto. Arrivederci.

  6. 2 ottobre 2011 07:05

    Buon lavoro!

  7. Gabriele Cuccaro permalink
    2 ottobre 2011 07:04

    lo schiaffetto non credo vada proprio,collega!…………….forse potrebbe andare “sara’ un bell’effetto”………………e’ un po’ fuori tempo!!!!!!Non credi?Buon lavoro!

    • 2 ottobre 2011 13:31

      Grazie Gabriele, mi aspettavo prima o poi un commento a riguardo. Ho risposto sopra.
      ….Tutto il resto va bene?😉
      Buon lavoro e buona navigazione!
      Graziella

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: